Salta il contenuto
Soli 3€ di spedizione per ordini sopra i 69€
Soli 3€ di spedizione per ordini sopra i 69€
Quali giochi scegliere per il cane?

Quali giochi scegliere per il cane?

I momenti di gioco con il nostro cane devono essere un momento di svago, di apprendimento e di distensione, per fare questo abbiamo bisogno di tempo da dedicare al gioco, inventiva e…sicurezza! Sicurezza, perché durante il gioco il cane usa principalmente la bocca, quindi tutto quello che usa come gioco finisce li.

Era stato eclatante, nel 2007 la scoperta, in seguito ad analisi di laboratorio, di una concentrazione altissima di piombo nelle palline per cani. Si parla di quasi dieci anni fa e dell’America, con standard produttivi ben diversi dai nostri che sono più stringenti riguardo all’uso di materiali tossici o componenti dannosi.

Ovviamente, anche da noi, pur non dovendo esserci troviamo giocattoli non conformi alle normative. I giocattoli che possono causare problemi possono essere di diverso tipo, ma con un po’ di attenzione si può ovviare ai pericoli maggiori. Cominciamo con una distinzione: i problemi possono essere causati da componenti tossici o difettosi, oppure da noi.

Non è una cosa voluta, ma spesso dare per scontato che tutto quello che troviamo nel reparto animali vada bene per il nostro cane può portare a problemi o fatalità con gravi conseguenze. Se ad esempio abbiamo un cane molto nevrile che sfoga la sua energia masticando qualunque cosa, sarebbe davvero una pessima idea dargli un pelouche per giocare, lo distruggerebbe ed oltre al caos creato ci sarebbe il concreto rischio che mangiando pezzi di tessuto sintetico ed imbottitura non riesca ad espellerli. Sono preferibili quindi, giocattoli tipo Kong, molto resistenti e difficilmente distruttibili rispetto a pupazzi.

Per evitare questo possiamo farci tre domande quando ci troviamo davanti ad un eventuale gioco che vorremmo dare al nostro cane:

  • 1-Potrebbe ingoiarlo?
  • 2-Potrebbe essere tossico?
  • 3-Posso lasciarlo sempre con quel gioco o devo darlo solo in certi momenti?

La prima è senza dubbio la più importante, il problema non è tanto che il cane ingoi qualcosa, ma che qualcosa gli faccia male e non riesca poi ad espellerlo. Una volta risposto a tutte queste domande possiamo, eliminare un bel po’ di preoccupazioni e lasciare che il cane si svaghi con il suo nuovo gioco, buttando sempre però un occhio alle condizioni in cui lo riduce e nel caso sostituirlo con uno nuovo nel caso si sfaldi in pezzi che potrebbero dare problemi.

Per farvi un esempio concreto di cosa sono in grado di fare i nostri adorati aspirapolveri a quattro zampe: 2007, Pitbull, il cane non sta bene spesso rigurgitava bile e passava da uno stato di vivacità ad uno in cui era mogio e abbattuto, lo portano a fare una radiografia e quello che esce lascia tutti allibiti: il cane nel suo stomaco ha un gatto.

Non un gatto vero, ma qualcosa che ha la forma netta di un gattino, con zampe allungate, orecchie e tutto il resto. Lo operano e ne esce un oggetto grande quanto un pugno del colore e della consistenza del legno, una volta pulito si scopre essere un giocattolo (una volta) di gomma di quelli che suonano che ingoiato intero si è solidificato grazie ai liquidi gastrici. La moglie del proprietario si ricorda della scomparsa del gioco circa una decina di mesi prima. E i vostri cani? Che giocattoli preferiscono?

Articolo precedente La Diarrea nel Cane e nel Gatto
Articolo successivo La passeggiata con il cane

Nota Bene - Disclaimer

Tutte le informazioni riportate all'interno dei nostri articoli blog, sono pura espressione dei loro autori e non hanno nessuna valenza specialistica. In nessun caso quanto riportato dovrà essere inteso come consulenza, indicazione, prescrizione o suggerimento. In nessun caso dovranno essere applicati sistemi, alimentazioni, pratiche. e qualsiasi altra informazione, presente nei contenuti di questo sito, senza prima aver consultato un Vostro esperto di fiducia. DOG Performance, DOG Power S.r.l. e gli autori di questo sito, declinano ogni responsabilità civile e/o penale, su eventuali danni insorti dalla messa in pratica di concetti riportati su questo sito.